“La nostra vita dipende dall’oceano, ma lo stiamo uccidendo”

https://i0.wp.com/cdns.yournewswire.com/wp-content/uploads/2016/01/plastic-worlds-oceans.jpg

È il monito di Vladimir Ryabinin, segretario della commissione Oceanografica intergovernativa dell’Unesco, sullo stato di salute dei grandi bacini. Secondo l’esperto è necessaria una svolta: o si cambiano i nostri comportamenti o gli effetti sulle acque avranno conseguenze catastrofiche

di LUCA DE VITO

MILANO – Dobbiamo immaginarci un futuro in cui l’oceano innalzerà il suo livello, le acque saranno più calde e il numero di bottiglie di plastica raggiungerà quello dei pesci. Con conseguenze non difficili da prevedere: uragani più violenti, popolazioni costrette a emigrare a causa dell’innalzamento dei livelli dei mari, proliferazione di alghe tossiche, meno fitoplancton e conseguente riduzione dell’ossigeno sia nell’acqua che nell’atmosfera. In altre parole, un oceano mezzo morto. Questo se l’uomo non farà davvero qualcosa per ridurre l’impatto delle sue azioni sui grandi bacini. Vladimir Ryabinin, segretario esecutivo della Commissione oceanografica intergovernativa dell’Unesco, ha le idee chiare. “Noi siamo nati nell’oceano. Poi lo abbiamo lasciato e abbiamo cominciato a vivere sulla Terra. Quando siamo tornati a rivolgerci a lui lo abbiamo fatto inquinando, distruggendo gli habitat, sterminando la vita. In un certo senso è come se stessimo uccidendo la nostra culla. Ma è giunto il momento di fare qualcosa”.

"La nostra vita dipende dall'oceano, ma lo stiamo uccidendo"
continua a leggere qui
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...